"IL RITORNO ALLE ORIGINI", QUELLO DEL "SANSEPOLCRISMO" MILANESE DEL 23 MARZO 1919, REPUBBLICANO E SINDACAL-RIVOLUZIONARIO, SEGNA LA NASCITA DELLA R.S.I.

domenica 16 luglio 2017




Nato dalle ceneri del Partito Nazionale Fascista, la formazione del Partito Fascista Repubblicano fu annunciata col discorso a Radio Monaco di Mussolini del 18 Settembre 1943.

Il partito si formò al Congresso di Verona del 14 Novembre 1943, dove venne emanato il Manifesto di Verona.

Segretario divenne Alessandro Pavolini che nel 1944 trasformò il partito nelle Brigate Nere. Lui stesso ne assunse il comando, che furono il corpo più numeroso dell’ esercito della Repubblica Sociale Italiana.






IL DISCORSO DI MONACO
testo del discorso pronunciato da Mussolini
 da Radio Monaco il 18 settembre 1943

Camicie nere! Italiani e Italiane!


Dopo un lungo silenzio, ecco che nuovamente vi giunge la mia voce e sono sicuro che voi la riconoscerete; è la voce che vi ha chiamato a raccolta in momentii difficili e ha celebrato con voi le giornate trionfali della Patria.

Ho tardato qualche giorno prima di indirizzarmi a voi, perché dopo un periodo di isolamento morale, era necessario che riprendessi contatto col mondo.

La radio non ammette lunghi discorsi e per esser breve comincerò dal 25 luglio, giorno in cui si verificò la più incredibile di tutte le avventure della mia vita avventurosa.

Il colloquio col re a villa Savoia durò venti minuti, forse anche meno. Ogni discussione con lui era impossibile perché aveva già preso la sua decisione e il punto culminante della crisi era imminente. E’ già accaduto in tempo di pace come in tempo di guerra che un ministro sia congedato o che un comandante cada in disgrazia. Ma è un fatto unico nella storia che un uomo che per venti anni ha servito un re con lealtà assoluta, dico assoluta, sia fatto arrestare sulla soglia della casa privata di un re, sia stato costretto a salire su un’autoambulanza della Croce Rossa sotto il pretesto di salvarlo da una congiura e sia stato condotto a una velocità vertiginosa da una caserma di carabinieri all’altra.
Ebbi subito l’impressione che la protezione non era che un pretesto. Questa impressione si rafforzò quando da Roma fui condotto a Ponza e successivamente mi convinsi, attraverso le peregrinazioni da Ponza alla Maddalena e dalla Maddalena al Gran Sasso, che il piano progettato contemplava la consegna della mia persona al nemico. Avevo però la netta impressione, pure essendo completamente isolato dal mondo, che il Fuhrer 
non mi avrebbe abbandonato. Goering mi mandò un telegramma più che cameratesco, fraterno. Più tardi il Fuhrer mi fece pervenire una edizione veramente monumentale delle opere di Nietzsche. La parola fedeltà ha un significato profondo, inconfondibile, vorrei dire eterno nell’anima tedesca. E’ la parola che nel collettivo e nell’individuale riassume il mondo spirituale germanico.

Conosciute le condizioni dell’armistizio, non ebbi il minimo dubbio circa quanto si nascondeva nel testo dell’articolo dodici. Del resto un alto funzionario mi aveva detto: “Voi siete un ostaggio”. Nella notte dall’11 al 12 settembre feci sapere che i nemici non mi avrebbero avuto vivo nelle loro mani. C’era nell’aria limpida attorno all’imponente cima del monte una specie di aspettazione. Erano le 14 quando vidi atterrare il primo aliante; poi successivamente altri; poi squadre di uomini avanzarono verso il rifugio e vidi cessare ogni resistenza. Dalle guardie che mi custodivano nessun colpo partì. Tutto era durato cinque minuti. Questa impresa liberatrice, che rivela l’organizzazione e lo spirito di iniziativa e di decisione tedeschi, rimarrà memorabile nella storia della guerra e col tempo diventerà leggendaria.
Qui finisce il capitolo che potrebbe essere chiamato il mio dramma personale; ma esso è ben trascurabile episodio di fronte alla spaventosa tragedia in cui il Governo democratico, liberale, costituzionale del 25 luglio ha gettato l’intera nazione. L’inguaribile ottimismo di molti italiani, anche fascisti, non credette in un primo tempo che il Governo del 25 luglio avesse programmi così catastrofici nei confronti del Partito, del regime e della nazione.

Oggi, davanti alle rovine, davanti alla guerra che continua, noi spettatori, taluno vorrebbe sottilizzare per cercare formule di compromesso e attenuanti per quanto riguarda le responsabilità, e quindi continuare nell’equivoco. Essi sofisticano dinanzi al nuovo nome del Partito. Sono gli stessi pesi morti che hanno sempre ritardato la marcia del regime, che hanno sempre cercato di sabotarne le realizzazioni sociali e gli sviluppi sul piano nazionale e imperiale. Noi viceversa, mentre rivendichiamo le nostre responsabilità, vogliamo precisare quelle degli altri, a cominciare dal capo dello Stato, che, essendosi scoperto e non avendo abdicato, come la maggioranza degli 
italiani si attendeva, può e deve essere chiamato direttamente in causa.

E’ la sua dinastia che durante tutto il periodo della guerra, pure avendola il re dichiarata, è stata l’agente principale del disfattismo e della propaganda antitedesca. Il suo disinteresse circa l’andamento della guerra, le prudenti, non sempre prudenti, riserve mentali si prestavano a tutte le speculazioni del nemico, mentre l’erede, che pure aveva voluto assumere il comando delle Armate del sud, non è mai comparso sui campi di battaglia. Sono ora più che mai convinto che Casa Savoia ha voluto preparare, organizzare, anche nei minimi dettagli, il colpo di Stato, complice ed esecutore Badoglio, complici taluni generali imbelli e imboscati e taluni invigliacchiti elementi del fascismo. Non può esistere alcun dubbio che il re ha autorizzato, subito dopo la mia cattura, trattative per l’armistizio, trattative che forse erano già cominciate fra le dinastie di Roma e di Londra.
E’ stato il re che ha consigliato i suoi complici di ingannare nel modo più miserabile la Germania, smentendo anche dopo la firma che trattative fossero in corso. E’ il complesso dinastico che ha preparato ed eseguito la demolizione del fascismo, che pure vent’anni fa lo aveva salvato, e creato l’impotente diversivo interno a base del ritorno allo Statuto del 1848 e alla libertà protetta dallo stato d’assedio.

Quanto alle condizioni dell’armistizio, che dovevano essere generose, sono fra le più dure che la storia ricordi. E’ il re che non ha fatto obiezioni per quanto riguardava la consegna della 
mia persona al nemico. E’ il re che ha col suo gesto, dettato dalla preoccupazione per l’avvenire della sua corona, creato per l’Italia una situazione di caos, di vergogna e di miseria, che si riassume nei seguenti termini: in tutti i continenti, dall’estrema Asia all’America, si sa che cosa significhi tener
fede ai patti da parte di Casa Savoia. Gli stessi nemici, ora che abbiamo accettato la vergognosa capitolazione, non ci nascondono il loro disprezzo. Né potrebbe accadere diversamente.L’Inghilterra, ad esempio, che nessuno pensava di attaccare e specialmente il Fuhrer non pensava di farlo, è scesa in campo, secondo le affermazioni di Churchill, per la parola data alla Polonia.

D’ora innanzi può accadere che, specie nei rapporti privati, ogni italiano sia sospettato. Se tutto ciò portasse conseguenze solo su persone responsabili, il male non sarebbe grave; ma non bisogna farsi illusioni: esso deve essere scontato dal popolo italiano dal primo all’ultimo dei suoi cittadini.

Dopo l’onore compromesso, abbiamo perduto, oltre ai territori metropolitani occupati e saccheggiati dal nemico, anche, e forse per sempre, tutte le nostre posizioni adriatiche, ioniche, egee, francesi, che avevamo conquistato non senza sacrifici di sangue.

Il regio Esercito si è quasi ovunque rapidamente sbandato e niente è più umiliante che essere disarmati da un alleato tradito, fra lo scherno delle popolazioni locali. Questa umiliazioni deve essere stata soprattutto sanguinosa per quegli ufficiali e soldati che si erano battuti da valorosi accanto ai tedeschi in tanti campi di battaglia. Negli stessi cimiteri di Africa e di Russia, dove i soldati italiani e tedeschi riposano insieme dopo l’ultimo combattimento, deve essere stato sentito il peso di questa ignominia.

La regia Marina, costruita tutta durante il ventennio fascista, si è consegnata al nemico in quella Malta che costituiva e più ancora costituirà una minaccia permanente contro l’Italia e un caposaldo dell’imperialismo inglese nel Mediterraneo.

Solo l’Aviazione ha potuto salvare buona parte dei suoi materiali; ma anche essa è praticamente disorganizzata.

Queste sono le responsabilità indiscutibili, documentate anche dal Fuhrer, il quale ha narrato ora per ora l’inganno teso alla Germania, inganno rafforzato dai micidiali bombardamenti, che gli angloamericani, d’accordo con Badoglio, hanno continuato, malgrado la firma dell’armistizio, contro grandi e piccole città dell’Italia centrale.

Date queste condizioni, non è il regime che ha tradito la monarchia, ma è la monarchia che ha tradito il regime, anche se oggi è decaduta nella coscienza e nel cuore del popolo; ed è semplicemente assurdo supporre che ciò possa minimamente compromettere la compagine unitaria del popolo italiano.
Quando una monarchia manca a quelli che sono i suoi compiti, essa perde ogni ragione di vita. Quanto alle tradizioni ce ne sono più di repubblicane che di monarchiche. Più che dai monarchici, la libertà e l’indipendenza dell’Italia furono volute dalla corrente repubblicana e dal suo più puro e grande apostolo Giuseppe Mazzini. Lo Stato che noi vogliamo instaurare sarà nazionale e sociale nel senso più alto della parola, sarà cioè fascista risalendo così alle nostre origini.

Nell’attesa che il movimento si sviluppi sino a diventare irresistibile, i nostri postulati sono i seguenti:

1 – Riprendere le armi a fianco della Germania, del Giappone e degli altri alleati. Solo il sangue può cancellare una pagfina così obbrobriosa nella storia della Patria.

2 - Preparare senza indugio la riorganizzazione delle nostre Forze Armate attorno alle formazioni della Milizia. Solo chi è animato da una fede e combatte per un’idea non misuta l’entità dei sacrifrici.

3 - Eliminare i traditori; in particolar modo quelli che sino alle ore 21,30 del 25 luglio militavano, talora da parecchi anni, nel Partito e sono passati nelle file del nemico.

4 - Annientare le plutocrazie parassitarie e fare del lavoro finalmente uil soggetto dell’economia e la base infrangibile dello Stato.

Camicie nere fedeli di tutta Italia !

Io vi chiamo nuovamente al lavoro e alle armi. L’esultanza del nemico per la capitolazione dell’Italia non significa che esso abbia già la vittoria nel pugno, poiché i due grandi imperi, Germania e Giappone, non capitoleranno mai.

Voi squadristi ricostituite i vostri battaglioni, che hanno compiuto eroiche gesta; voi giovani fascisti inquadratevi nelle divisioni che devono rinnovare sul suolo della patria le gloriose imprese di Bir-el-Gobi; voi aviatori tornate accanto ai camerati tedeschi, al vostro posto dimpilotaggio, per rendere vana e dura l’azione nemica sulle nostre città; voi donne fasciste riprendete la vostra opera di assistenza morale e materiale così necessaria al popolo.

Contadini, operai e piccoli impiegati !

Lo Stato che uscirà da questo immane travaglio sarà il vostro; come tale lo difenderete contro chiunque sogni ritorni impossibili.

La nostra volontà, il nostro coraggio, la nostra fede ridaranno all’Italia il suo volto, il suo avvenire, la sua possibilità di vita e il suo posto nel mondo. Più che una speranza, questa deve essere per voi tutti una suprema certezza.

Viva l’Italia ! Viva il Partito Fascista Repubblicano !

MONACO DI BAVIERA - 8 MARZO 1944 
LETTERA  CON FIRMA AUTOGRAFA DI VITTORIO MUSSOLINI
(DALLA COLLEZIONE DI ENZO PALMA)

MUSSOLINI FIRMA ALCUNE TESSERE 
DEL PARTITO FASCISTA REPUBBLICANO




PERIODICO DEL FASCIO REPUBBLICANO CREMONESE



23 aprile 1945 padre Eusebio celebra una messa alll'aperto
 in occasione del XXVI anniversario dei fasci di combattimento